COME SI PARLA ALLE "LUMIERE" PICCOLO VOCABOLARIO

 

 

 

Fin dall'iniziotanti lavoratori sul territorio provenienti dalle pi¨ svariate province italiane  portarono con se le loro tradizioni   ed  i loro dialetti questo comporto una fusione tra diverse entitÓ culturali che port˛  all'odierno dialetto con varie corruzioni ed aggiustamenti.

La   prima migrazione inerente alle miniere d’allume avvenuta nei primi anni del 500 e proseguita poi nel sei settecento  proveniva per la  maggior parte dall’Italia settentrionale Lombardia, LiguriaRomagna, mentre la seconda nella meta dell’ ottocento vi richiam˛ molta gente  dall'Umbria ,Marche e Abruzzi quindi le varie influenze sul dialetto si ebbero in due stadi ben distinti.

Inoltre c'Ŕ da considerare che anche localmente vennero in contatto con il paese di Tolfa dove qui era presente un suo dialetto, tutto questo ben mescolato diede origine ad un dialetto alquanto particolare ed isolato nel contesto geografico in ogni modo c’e’da dire che io ho costatato che i termini in uso  nei   due paesi sono al 80% uguali cosa che mi ha alquanto sorpreso, pur rimanendo il modo di proporli nettamente differente.

Con il tempo come tutte le cose parecchi termini sono andati in disuso ed anche la maggior scolarizzazione ha fatto il resto  per questo ho deciso di pubblicare questo piccolo   vocabolario nato dall’ idea che nulla vada perso , ho pescato nella memoria chiedendo anche in giro ,in ogni modo tante parole mancano all'appello e questo Ŕ aperto a tutti chiunque ne ricorda o e’ a conoscenza di qualche termine non presente pu˛   comunicarmelo via e mail  ed io   provvedero’ all’ aggiornamento.I termini  in colore azzurro e' possibile ascoltarli.

      DIZIONARIO

 

A

 

 

 

aaah incitamento all'asino ad andare

abbabbÓto che segue sempre il padre

abbasta basta

abbatino chierichetto

Óbbise matita

Óbbeto vestito

Óspeto aspide, svelto e sinuoso come una serpe

abbÓcchio agnellino che ancora beve il1atte

abbagnÓ bagnare

abbatýno chierichetto

abbec˛ne abbecedario, libro in genere

abb˛jelo tamaro

abbonnÓ abbondare

abb˛ria esposto a nord

abbottÓto pieno, sazio; dicesi di chi ha mangiato troppo

abbottonÓto dicesi di ramo pronto ad aprire le gemme

abbozzÓ sopportare

anneriti per il forno troppo caldo

abbruscÓ abbrustolire

accalÓsse addormentarsi leggermente

accamarrato  avere tosse e mal di gola

accappannÓto coperto come da capanna

accŔnna  accendere

accÚtta ascia

acchittÓsse mettersi un bel vestito

acciaccÓ   acciaccare

acciuccia sgualcire un capo di abbigliamento

Óccio cattivo

accima' salire un ripido terreno

accomedÓ accomodare

accormÓ colmare, riempire

acc˛rto parsimonioso

accr˛cco un insieme posticcio

accucciÓsse accosciarsi

aco   ago per cucire

adae da  hai da

andiricchiasse   rannicchiarsi

affiarasse avventarsi, aggredire

aggruppa coprire

allamÓsse   impantanarsi

allazzi'   stancare   es: mae allazzito mi hai proprio stancato

alluccÓ   chiamare da lontano ad alta voce

allumÓ   abbagliare

ammappete esclamazione : come sei

ammazzatura   faticata

ammollÓ   bagnare

annÓ andare

annestÓ   innestare le piante

appiccecÓ   appiccicare

apprettÓ chiamare con insistenza

 

 

B

 

 

babbo, padre; es:  r'mi bÓ = mio padre

babbal˛ne credulone, sciocco

babbi˛ne scimunito

baccinÚtta bacinella, catino

bac¨cco vecchio cadente

bagajone tuttofare di un' azienda agricola

bagar˛zzo scarafaggio

bajÓ abbaiare

bÓlla sacco, parallelepipedo di fieno pressato

bambÓcia cotone idrofilo

banchÚtto sgabello, piccolo tavolo

bannŔlla telo di stoffa con cerniera ad occhio

bannýta terreno riservato per pascolo specifico

barb˛zzo mento

bardÓscio ragazzetto

bÓsquela basculla, bilancia a ponte

battaja battaglia

battÚzzo battesimo

battilonto tagliere usato per il "batt¨to

batt¨to lardo finemente tritato ed insaporito con odori per

condire "l' acquacotta" o altri piatti

bavar˛la bavaglino per bambini

bazzŔquele bazzecole, cose da nulla

becchisonne   essere un discolo

begal- ýno -˛ne con problemi alla -vista o agli occhi

bellico ombelico

bestÚmbia bestemnia

besseca forte tosse

bÚva bere

bevar˛ne impasto di farinaccio per i maiali.

biancar˛lo abitante della Bianca, frazione di Allumiere

bidoncŔllo piccolo secchio metallico

birrÓcchio vitello dai due ai tre anni

bisŔquelo ento di legno di bosso per lucidare la parte

esterna di suole e tacchi delle scarpe o per tracciare righe

ornamentali sugli oggetti di cuoio :ed anche lungo un bisequelo

bis˛nto bisunto

bist˛rno non perfettamente rotondo

boccal˛ne contenitore con cui una volta si prendeva l' acqua

b˛ccia bottiglia

bocci˛ne bottiglione

bono buono

bordŔllo disordine

b˛rzo bolso, animale o uomo dal fiato corto

brequelo sasso

 

C

cajÚra corsa

calandrella  momento della maggior calura estiva; tergiversare,

es:"nun me fa la calandrella" = non tergiversare

calandro filo a piombo

callamÓro calamaio, occhiaia, zona scura sotto la palpebra

callÓr a caldaia, pentolone di rame; -Útto paiolo; -rÓro

calderaio; -Ŕlla recipiente del muratore

callar ostaro venditore di caldarroste; -oste caldarroste

cÓllo caldo o callo

cambÚra camera da letto

camberiÚra cameriera

cÓmbio camion, autocarro

comedo comodo

cammýno camino, focolare

camposantaro guardiano del cimitero

candijere candeliere

cannŔll a rubinetto della botte; ~o copioso getto d' acqua; ~e

proteggi dita di canna usato nella mietitura

cantÓro peso del "bilancione"

canzonÓ prendere in giro

capÓ scegliere

capÓgno canestro intrecciato

capat˛re ingresso ad imbuto del "rimessino" che permette di

selezionare il bestiame

capat¨ra scarto, residuo dopo la scelta

capŔcce entrare; entrarci

capÚzz a cavezza; -˛ne cavezza lunga e di corda spessa usata'"

per domare gli animali

capidif˛quelo alare

cap˛ccia ta testa; testata

comedo  comodo

cammino  camino per fare fuoco

cantaro peso della bilancia usato anche come misura  per pesare l' allume

capÓ  scegliere :anticamente esistevano i capatori dell' allume i quali dividevano i sassi buoni              con allume da quelli senza.

capŔcce  entrarci

cazzarola  pentola - tegame

ciardo   lucertola

ciola - far ciola stare zitto

ciocce belle  cose da poco      nun so' ciocce belle  non sono cose da poco

ciurle capelli

curojela  straccio avvolto che una volta si metteva in testa per portare un contenitore di acqua                   vedere voce boccalone si usa anche nel dire di un capo di abbigliamento quando e'                   tutto stropicciato fatto su come una curojela

 

 D

 

dÚto dito  -˛ne pollice o alluce

dire

diasilla -cantar la diasilla  essere a corto di mangiare - a stomaco vuoto

diece dieci

dineguÓrde Dio ne guanti, non vog1ia :il Cielo

dirŔt o  dietro

diggerý digerire

divÚda (da a) dare a vedere, fingere

divozione devozione

doj˛so lamentoso

domann Ó domandare; -a domanda

dondel Ó dondolare; -o dondolo

d˛ppo dopo

drÚnto dentro

E

ecch elo eccolo; -eme eccomi;

Ŕjela eccola

ecce˛mo ridotto a mal partito

enno’ e proprio cosi

Ŕss a e essere

 

F

fare

faccŔnna   faccenda

faci˛lo fagiolo; -etto fagiolino

fag˛cchio artigiano che fabbrica cancelli

fÓng a fango; -aro zona fangosa

fantij˛le glilli per la testa

farciÓ falciare

fÓrc ia falce; fÓrcia fienale falce per fare fieno; -Útta falcetto,

quello in genere usato per mietere il grano

fardŔllo peso su ˛e spalle

farzÚtto toppa alle scarpe

fornÓro fornaio

fottograf ia fotografia; -o fotografo

fraguela fragola

frajÓ non portare avanti la gravidanza, dicesi di animali

framassone che porta confusione e disordine~ che rompe tutto

francetta frangetta

fraschÚtta rivendita di vino

frÓtta siepe

fregÓ rubare~ buggerare

fregant˛ cose alla rinfusa

freghemedorce moine per ottenere qualcosa

frýtto fegato; es: "magnasse 'l fritto' = mangiarsi il fegato

frizzÚlo pezzetto, quantitÓ minima

fr˛ce froge; -tte attrezzo di ferro che si introduceva nelle froge

dei buoi per guidarli

fr˛cia d'acqua   grande getto di acqua o liquido in generale

frustone serpente

fuga rincorsa; es: dasse la fuga =: prendere la rincorsa; -to chi

arriva correndo

f¨me fumo

fumicÓra grande quantitÓ di fumo da legna

anche es: stae a fa 'na fumicara stai facendo una discusione caotica

furamÓcchio scricciolo.

furasÓcco arboreo che forava i sacchi

furcýn a forca, forcina; -Ŕlla supporto per fare la fionda

fusÓje lupini

fuso asse portante del cancello di legno

fiarello bambino

G

gabbarŔ  vassoio da portata

gammÓle (le) pl. gambali

ganÓssa molare

gargarŔlla bere senza bicchiere

gattar˛la abbaino

gavicchie O a perno di ferro dell'aratro

gav˛lla caviglia

gav˛zzelo gomitolo

gav¨iele piccole zecche

gavurra pettinatura simile alla frangetta

gebba mento molto pronunciato

gelataro gelataio

gel˛ne (le) pl. geloni

gettÓcqua grande recipiente metallico con due manicci veniva

usato per farsi il bagno e per lavare i panni

ghiÓvelo diavolo

giocarŔllo giocattolo

gioncÓra giuncaia; -o giunco

gioncata un cibo molto tenero

gi˛tteria ghiottoneria; -o ghiotto

giovŔnco bovino di tre, quattro anni

giovŔnotto giovanotto

girandelo  uno che va' sempre in giro e non sta' mai a casa

girŔlla girandoladei bambini, carrucola

giubbicol˛tto indumento intero per bambini

giuntore (le) pl. cordami del giogo

gorpe volpe

guperta coperta

grugno faccia  n'grugnato essere dispiaciuto

I

 

iere ieri

imbÓst o basto; -Óro fabbricante di basti; -iŔra bastiera, anima

lignea del basto

imbott e imbuto; -atore mastello di legno usato per riempire le botti.

imp˛sto punto di raccolta della legna durante il taglio di un bosco

incarcare comprimere fortemente

ýncÓstro strumento del maniscalco per pulire "l'ogna" del cavallo

incenso  dicesi di un oggetto molto fragile -oppure "see  n'incenso"

incerÓta lungo impermeabile con cappuccio.

ingiÓcquelo corda del basto

intripiccia   arruffare un filo una corda

ercio leccio

irre˛rre indecisione

istate estate

 

J

jÓnna ghianda; al plurale rimane invariato~ la janna

 

L

 

la lumiera allumiere

lacciÓra corda usata a mo di "lazo" per catturare gli animali

lagrema lacrima

lÓllera ubriacatura

lÓma acquitrino

lÓmpena lampada; bicchiere di vino; es: "fatte 'sta lampena"

beviti questo bicchiere di vino

lanzÓgn a lasagna, la pasta per la lasagna o le per le fettuccine;

lanzagnolo Mattarello per stendere la pasta.

-olo matterello per stendere la lanzagna

lassa'   lasciare

lengua  lingua

lassÓ  lasciare

luffo  parte del corpo umano

M

ma' mamma;

maccar˛ne tipo di pasta, tagliatella; :fig. stupido;

mÓcchie a bosco;

macellaro macellaio

mÓchina macchina, automobile

mÓe mai; es: "'mae da fa 'n favore" = mi devi fare un favore

maÚse maggese

magÓra magari

magna mangiare; -tora mangiatoia

magnÚra maniera

maleppŔggio   attrezzo da muratore

mammarz¨cco pazzia, malessere neurologico

mammatr˛ne imbarazzo, indisposizione; es: "l'Ŕ preso '1

mammatr˛ne "

mandÚl a mandorla; -Útta piccola mandorla

mandolin o mandorlo; -Útte mandorle acerbe*

mandrucia' toccare insistentemante

mandruc˛ne impacciato

mannÓ mandare

manuÓle manovale

'mpetorate tutte sporche

marc˛ncio mal lievitato

mariola  taschina della giacca

marrÓccio pesante roncola usata per tagliare rami; fig. persona rozza

marsumÓja miscuglio disordinato

matto che cercheno persona che fa' una  proposta assurda

mornia annoiare in modo petulante

 

N

 

nÓntr e noi; -o un altro

nazzec Ósse dondolo, dondolarsi; -a dondolamento,

ondeggiamento, indecisione; es: "'l picquelo prima de fermasse fa'

la bazzica" "num me fa la nazzica" = deciditi

'ncatanarciÓ chiudere con il catenaccio

'cenderato sporco di cenere

'nciampecÓ inciampare

nciancecÓ masticare

'nciurmÓto irritato

'ncollÓ portare sulle spalle, incollare; -ta peso che a malapena si porta.

'ndÚ nel

'nd˛ndela in giro, a spasso

'nd˛ve dove

'ndrappe   oggetti che danno fastidio

'nfrÓgne  infrangere

'nfrociÓ sbattere il grugno

'ngarzull i ýsse eccitare, eccitarsi

'ngrifato scuro in volto, arrabbiato

'ngroppÓ dare un passaggio a dorso di asino o bicicletta

'ngrugnÓsse  imbronciarsi

'nguattÓ nascondere

'npasteca'   masticare

'ntantino un poco

O

 

˛gna unghia

˛jo olio

ojosa tipo di erba per fare un insalata

ogge oggi

ombrellaro ombrellaio

˛mo uomo; pl -mine

onnido nido

onnodo nodo

ont Ó ungere; -o lardo, unto

oprý aprire

oramae ormae ormai

orbaco bacca di alloro

ordegno     attrezzo

˛rdene filare della vigna.

orghenÚtto organetto

orloggio orologgio

ormo olmo comune,  fare = fare piazza pulita

˛schi a ostia; -alla esclamazione, imprecazione

oss˛gna grasso di maiale usato per impenneabilizzare.

˛velo ovolo buono, amanita cesarea

 

p

panÓcca schiaffo, botta molto forte

panemollo pane duro che dopo essere lasciato in acqua fino a

diventare morbido veniva condito con olio, sale e aceto; -col

zucchero lo stesso pane cosparso con zucchero, si dava ai

bambini per merenda

pann˛ne   straccio per asciugare i piatti

pan˛nto carne di maiale alle brace; "fa 'r panonto"  grigliare la

carne di maiale premendola di tanto in tanto tra due pezzi di pane,

che sý ungono con il grasso della carne stessa

panzetta (sta a) stare a pancia all'aria

pantÓsemo imbambolato - persona che sta con le mani in mano;

es: "see proprio 'n pantÓsemo"

pappina schiaffo

paracendere attrezzo per il camino

parannÓnza grembiule da cucina

para' fermare - non far passare

parmetto gioco di bambini, si facevano rimbalzare su un muro

delle monete e chi riusciva ad avvicinarne alcume ad una distanza

inferiore ad um palmo le vinceva

paro paio

pÓsquele   altalena

passat˛ra trivella a mano per forare pali di legno.

pastarŔlla pasticcino-

pastýna pastiglia medica.

pat˛nzela*

patrone padrone

patte patti 

pavura paura

patt¨me erbaccia secca

pe' per

pecÚtta   cerotto, benda. metta na' pecetta

pedÓgna fusto di albero giovane

pedalino calzino

pendýto parola strillata dai ragazzi per interrompere un gioco

pelÓ pelare, scottare; es: "come pela!"  come scotta

petina   sete

piantarla    farla finita

picche' giradischi

pipinara luogo dove vie' una grande quantita' di persone

pitina   forte sete

pittima dicesi di persona petulante

portracchio asinello di uno o due anni

portabozze manuale di muratore

profaguele favole

 

Q

 

quaja quaglia

quajato del latte andato a male

quÓjo caglio

quanno quando

quÓrche   qualche

quÓrto parte di terreno- parti di tenitorio

quatrino quattrino

 

R

 

raffecÓ graffiare

rÓgheno rammo

rÓgnelo ragno

ragugnÓ grugnire; fig. lamentarsi brontolare

ramÓta scroscio di pioggia

rameggiÓ dar da matto, fare le bizze

ramicciÓ sfrondare i tronchi abbattuti

rampÓzzo grappolo

rÓnceco rancido

rapazz˛la giaciglio di ginestIe nella capanna

rap˛nzelo campanula commestibile

raschiatora raschietto di ferro per pulire il fond˛ della madia

rÓsela filare della vigna

raspo graspo dell'uva

renga aringa affumicata

r'cambri' ricamo molto semplice  es: semprece come r'cambri'

molto semplice si dice anche di una persona.

riciacquelo  grappolo di uva piccolo

riva' arrivare

rotta' eruttare

 

 

 

S

 

sabbeto sabato

saccoccino taschino

sÓla camera da pranzo, i mobili della camera da pranzo

salÚtta sale fino

saliscegne rustica serratura di legno azionata da una cordicella

sangozzÓ   singhiozzare.

sanne pl. tacche sulla lama che fanno perdere il filo assanna

santÓro venditore di immagini di santi in Roma:  detti: "ciari˛ca 'l

santÓro" = il santÓro" ci riprova, dicesi di persona che non si da

per vinta; ."il santÓro se frega 'na vorta sola" = il "santÓro" si

imbroglia una volta sola, non mi faccio imbrogliare per la seconda

volta

sÓntel a madrina -o padrino

saracinÚsca chiusura lampo

sarÓga aringa affumicata

serciato selciato

sarcýccia salciccia

sÓrcio salice, rametto di salice usato per legare la vigna

sarvÓteco selvatico

sÓrvia salvia domestica, Salvia officinalis L.

sarvo salvo

satollo  aver mangiato abbastanza

sbacchiÓ uccidere

sbajÓ sbagliare

sbajucca    riconoscere a fatica

sbavujel Ó sbaujel Ó piovigginare; - pioggerellina

sbevelÓ belare aprire la bocca impropriamente.

sb˛bba cattiva cucina

sboccato, che usa un linguaggio volgare

sbrocquelÓ   tagliare i rami grossolanamente es: sbrocquelasse un deto

farsi un bel taglio al dito:

scanzia   ripiano

scuppelato  dicesi di ombrello rigirato dal vento

sfrisella si dice di una cosa lunga

sbrinzo formaggio svizzero di nome sbrinz

semprece semplice one dare dello stupido ad una persona.

scacchiÓ togliere alle viti i pampini in eccesso .,

 scassÓ  cancellare

sghimbescio   una cosa di traverso

sgragnela'   intensa grandine

sogna' pinco pensato una cosa assurda  che te se' sognato pinco che cosa ti sei messo in testa

straccolazzo   essere molto stanchi

struccio dicesi di parte di tavoletta di cioccolato

struppio   avere un difetto fisico accentuato

 

T

 

tÓcchia scheggia di legno *

tamburlano  una cosa grossa ed ingombrante

tanÓje (le) pl. tenaglie

tÓrtero bitaltrati di potassio, cristalli che si accumulano nelle botti.

tÓscio tasso

tavelÚtta tavoletta

tela  va via

tiŔlla teglia

toccÓ far andare, spingere ad andare gli animali

toccat˛re cordino per lanciare il "piccolo" o il "gruzzelone"

tocele dicesi di cosa grossa - fuori norma

tonno         rotondo

toppÓccio insieme di cose che occludono, tappo

t˛ppia zolla di terra

torber¨me torbidune, liquido denso

t˛rselo torsolo, di frutta

tort˛rio pezzo di legno nodoso, grosso bastone

tortumaro fondo di una bottiglia di vino non venuto bene

t˛tero pannocchia di granoturco

t˛zzel o, Útto pezzo, pezzetto di pane raffermo

trappÚla trappola

travÓjo struttura di legno per ferrare i buoi

turtumaio liquido non chiaro riferito al vino

 

v    

 

vanvera    senza senso : fare o dire  cose a vanvera  fare o dire cose sensa senso.

vannino puledro

veda   vedere      es:nun te fÓ veda  non ti far vedere

vente   venti metereologici   altro: chi te le da vente darla vinta

veni' venire

vesta gonna

vinchiasse piegarsi

visavi' armadio con specchio della camera da letto

voja voglia

voe volere

vortÓ  girare

vurturicchio aratro

z

zampa   piede

zezzela   strumento che in passato serviva nei negozi per misurare pasta ed altro.

zirivajele impicci

zipeppe vaso da notte

zinfaso' alla rinfusa alla zinfaso'

zompÓ  saltare

zocquelo zoccolo

zozz o sporco eloso

zucchetta zucchina di orto

zuccapelata testa senza capelli

zuccare toccare

 

 

                                                                                       

I TERMINI DI COLORE BLU' E' POSSIBILE ASCOLTARLI RICORDARSI  DI   ATTIVARE  IL PROGRAMMA  AUDIO. Ultimo aggiornamento  29 ottobre 2011 Siamo arrivati a  502 termini

 

                                                                                 HOME